Energivori: l'AEEGSI sblocca fideiussioni e rimborsi, la parola passa ora alla CSEA per l’attuazione delle decisioni

Comunichiamo che con la Delibera 17 novembre 2016 677/2016/R/eel l’AEEGSI fornisce le disposizioni alla Cassa per i servizi energetici e ambientali (CSEA) in materia di agevolazioni a favore delle imprese a forte consumo di energia elettrica(energivore), con riferimento ai periodi di competenza 1 luglio – 31 dicembre 2013 e 1 gennaio - 31 dicembre 2014 e in materia di raccolta delle dichiarazioni delle medesime imprese per l’annualità 2015. 

In attesa del completamento del procedimento della Commissione Europea per la verifica di compatibilità dellemisure con la disciplina in materia di aiuti di Stato, la delibera prevede che:
  • la CSEA proceda con la massima urgenza e nel più breve tempo possibile al riconoscimento delle agevolazioni alle imprese energivore per gli anni 2013 e 2014;
  • relativamente all’anno 2013, la CSEA provveda a liberare e restituire alle imprese le garanzie fideiussorie detenute in relazione alle somme già erogate a titolo di agevolazione di competenza del secondo semestre 2013, eccezion fatta per le imprese che, in esito alle verifiche da compiersi per individuare eventuali sovracompensazioni, dovessero risultare invece potenzialmente passibili di restituzione delle agevolazioni; a tali imprese viene richiesto di rinnovare le fideiussioni già presentate relative al periodo 1 luglio – 31 dicembre 2013; 
  • relativamente all’anno 2014, la CSEA pubblichi nel più breve tempo possibile (entro il 15 dicembre 2016) l’elenco delle imprese a forte consumo di energia. Entro 60 giorni dalla pubblicazione di tale elenco, le imprese distributrici calcolano e comunicano agli esercenti la vendita l’ammontare dei conguagli relativi al pagamento della componente Ae relativi al 2014 (le modalità per l’effettuazione dei conguagli sarà definito con successivo provvedimento);
  • relativamente all’anno 2015 vengono date disposizioni a CSEA per la raccolta, tramite portale on-line da aprirsi entro il 31 gennaio 2017, delle dichiarazioni attestanti la titolarità dei requisiti dei soggetti a forte consumo di energia elettrica (confermando quanto già definito in merito ai dati relativi al valore aggiunto lordo delle imprese). 
Tali disposizioni urgenti potranno essere riviste in coerenza con quella che sarà la decisione finale conclusiva dellaCommissione Europea del procedimento di verifica.
0 0
Feed